PRODOTTI

LINKS UTILI

MOLE ABRASIVE

Gli abrasivi usati per la fabbricazione delle mole di tipo tradizionale sono tutti artificiali, cioè fabbricati dall’uomo. Quelli normalmente impiegati sono: ossidi di alluminio (corindoni artificiali) e carburi di silicio.

OSSIDI DI ALLUMINIO
Simbolo universale “A”, ottenuto per cristallizzazione diretta, gli ossidi di alluminio sono ottenuti per frantumazione di grossi masselli prodotti mediante fusione in forno elettrico. Il loro campo di applicazione principale è la lavorazione degli acciai.
REGOLARE A È il più comune abrasivo all’ossido di alluminio, ottenuto dalla fusione della bauxite. Resistente e tenace, è particolarmente adatto per le operazioni di molatura piuttosto pesanti, come la sbavatura, la molatura di saldature e la troncatura. È inoltre diffusamente impiegato nell’affilatura manuale di utensili ed è utilizzato anche per talune operazioni di rettifica di produzione.
BIANCO “A” Fabbricato partendo dall’allumina pura, l’Alundum 38, di colore bianco, è costituito dal 99,6% circa di ossido di alluminio. Particolarmente tagliente in virtù della sua struttura friabile, il 38A viene utilizzato nelle rettifiche di precisione (in piano, in tondo su centri, interna) e per l’affilatura manuale e meccanica di acciai legati trattati e sensibili al calore.
CARBURI DI SILICIO
Simbolo universale “C”. Sono abrasivi di spiccata purezza e taglienza, ottenuti in forno elettrico riducendo la silice con il carbone. I carburi di silicio vengono impiegati per la lavorazione di carburi metallici, della ghisa in genere, di taluni acciai inossidabili, dei materiali non ferrosi, del vetro, della gomma, della ceramica e di alcune leghe speciali.

COME SCEGLIERE UNA SPECIFICA

La scelta di una specifica effettivamente adatta al tipo di lavorazione che una mola deve compiere, dipende dalla conoscenza di alcuni fattori direttamente connessi alla natura dell’operazione di molatura.

Tipo di operazione/area di contatto.

Secondo una regola generale, ampie superfici di contatto mola/pezzo richiedono l’impiego di grane relativamente grosse e di durezze medio tenere. Viceversa, piccole superfici di contatto richiedono l’utilizzo di grane più fini e di durezze più elevate.

Materiale da molare.

L’esame di questo secondo fattore deve essere sviluppato secondo l’analisi di tre parametri fondamentali:

  1. Tipo di abrasivo
  2. Dimensioni della grana
  3. Durezza della mola
TIPO DI ABRASIVO
Proprietà chimico-fisiche del materiale da molare. Abrasivo da utilizzare. Acciai in genere. Altri materiali ferrosi. Ossido di alluminio Ghisa (secondo il tipo e l’operazione). Bronzo duro. nelle diverse varietà. Carburi metallici. Ghisa (secondo il tipo e l’operazione). Carburo di silicio Ottone e bronzo tenero. Rame. Alluminio e le sue leghe. nelle diverse varietà. Acciaio inox austenitico. Leghe speciali. Materiali non metallici.
DIMENSIONI DELLA GRANA
I materiali teneri e quelli non trattati sono facilmente lavorabili con mole di grana relativamente grossa, mentre i materiali duri, fragili e tecnicamente trattati, richiedono l’uso di mole in grana più fi ne, poiché, essendo la profondità di penetrazione limitata, si ottiene una più adeguata azione di taglio mediante l’asportazione di numerosi piccoli trucioli.
DUREZZA DELLA MOLA
Come regola generale, i materiali duri e/o trattati richiedono l’impiego di gradi più teneri. La resistenza offerta da tali materiali alla penetrazione dei granuli abrasivi provoca il loro ottundimento. Se la mola è piuttosto tenera, i granuli consumati vengono facilmente scalzati sotto la pressione di molatura liberando i sottostanti nuovi granuli taglienti. I materiali teneri e/o non trattati possono essere, viceversa, lavorati con mole più dure. Una mola troppo tenera, cioè troppo aggressiva e tagliente, non consente di ottenere buone fi niture. Una mola eccessivamente dura, tuttavia, tende a creare bruciature sui pezzi e produce superfi ci vibrate e marezzate.

INFORMAZIONI TECNICHE SULLE MOLE ABRASIVE

informazioni  tecniche mole dischi abrasivi

SPECIFICHE TECNICHE

Tipo di abrasivo
A Corindone
Z Zirconio
C Carburo di silicio
Grado durezza
N - O - P Tenero
Q - R - S Medio
T - U - V Duro
Tipo di legante
B Bachelite/Resina
BF Bachelite con rinforzo in fibra di vetro

NORME DI SICUREZZA

  • Non superare la velocità massima indicata per ogni tipo di mola.
  • Non impiegare la mola da taglio per operazioni di sbavatura.
  • Controllare la mola prima dell’impiego per individuare eventuali lesioni dovute al trasporto.
  • Controllare il montaggio della mola utilizzando flange regolamentari.
  • Non utilizzare le mole per macchine fisse su macchine portatili.